SCONSIGLIATA LA LETTURA DEL BLOG SU CHROME
Chiunque volesse collaborare con me come autore oppure comunicando news ed eventi, per far conoscere il Piccolo Popolo, mi scriva!! fairy1962@virgilio.it

Ciao a tutti
Una cosa che forse non ho mai davvero spiegato è il perché di questo blog. Certamente è fatto in modo credo e spero
simpatico, ma quello che voglio dare io è più profondo e serio!
Scrivere del mondo della “elficología”, (un termine coniato dal francese Pierre Dubois nel 1967 per riferirsi allo studio del "piccolo popolo", la magia e gli esseri elementari o guardiani della natura in pratica quelli noti come gnomi, elfi, fate, troll, folletti, uomini selvatici, giganti, etc….) non è cosa semplice se si vuole farlo seriamente, quindi con ricerche su libri e di conseguenza sui luoghi sulla storia e così via… Il mio blog nasce dall’ambizione di far conoscere anche in Italia questa disciplina interessante, di rigore scientifico e diffondere tali studi. L’Italia (come la maggior parte dell’Europa ma non solo) è un paese ricco di spiriti della natura, ma c’è poco interesse e ancor meno ci si crede nella loro esistenza, dal mio punto di vista esistono ma sicuramente in altre dimensioni, visibili solo se e quando vogliono loro!! Ci sono molti casi di avvistamenti di esseri soprannaturali di questo tipo ma pochi lo dicono, spesso per vergogna (si sa parlare di gnomi fa sorridere figuriamoci dire si li ho visti o ci credo…) Sicuramente non siamo l'unico pianeta con la vita, non siamo l'unica specie di ominidi che popolano la terra, anche se alcuni dicono il contrario ... Non siamo soli.



VARIE SUI GNOMI


In una vecchia enciclopedia, ed esattamente la
"Grande Enciclopedia Popolare Sonzogno"
iniziata da Palmiro Premoli, ho trovato questa definizioone di gnomo:

Gnomo voce che risale a Paracelso e forse venne tratta dal gr. gnòmee= intelligenza, da gnòo= conosco.

Nella leggenda popolare, spirito montanino e anche domestico.
Gli gnomi erano per lo più figli di fate, piccoli esseri innocui, spesso buoni, che facevano, non visti, lavori per gli uomini; avevano fisionomia di vecchietti.

Essi possedevano i segreti della terra e animavano le piante e gli animali.

D'origine talmudica, subirono, nella credenza popolare, delle modificazioni a seconda dei vari paesi.

Secondo il Talmud, un gnomo cooperò all'edificazione del tempio di Salomone.

Lo gnomo passo' nel XVI sec. nel dominio della poesia e tale fu il Calibano di Shakspear.
*********************************
Gnomi, folletti ed elfi: alle origini di un mito senza tempo.

Al Bois de Boulogne di Parigi una grande mostra raccoglie le testimonianze del
“Piccolo Popolo”
nel mondo di Massimo Centini
Al Bois de Boulogne di Parigi una grande mostra propone migliaia di gnomi e folletti provenienti da tutto il mondo e che testimoniano quanto sia diffusa e ricca di appassionati la “gnomomania”.

Non indenne da un certo gusto kitsch da giardino, gnomi, troll, elfi & C., sono proposti in questa rassegna come segno di una cultura in cui il mito occupa una posizione importante, nel bene o nel male.

E'evidente che il problema non e' stabilire se esistono o non esistono gnomi, elfi, fate, ecc. almeno da un punto di vista eminentemente razionale; la questione sta nel comprendere quale sia il loro ruolo.

In parole povere può essere importante comprendere “che cosa vogliano dire”.

Quali risvolti psico-antropologici hanno assolto e assolvono.

Di certo non quello di custodire tesori o scavare miniere; sicuramente custodiscono - per noi - il segreto di un’esistenza “altra” a cui dobbiamo affidare la soluzione delle nostre istanze e qualche angoscia.

Parlare del Piccolo Popolo può essere un’impresa affascinante.

Nello stesso tempo pero', se ci sforziamo di individuare possibili legami tra il mito e la storia - come spesso è stato fatto - finiamo per chiuderci in un vicolo cieco, a giocare con simboli e archetipi, alla ricerca di un mondo che non c’è.

Cosi' una leggenda islandese chiarisce l’origine del Piccolo Popolo: quelle minuscole creature sarebbero quindi vissute celate agli occhi degli uomini perche' la loro progenitrice si sarebbe vergognata di presentarli a Dio.

Ma se la mitologia dell’Islanda cerca, facendo confluire tradizione popolare e cultura cristiana, di spiegare la genesi degli elfi, troviamo tracce del Piccolo Popolo in tante altre creature e con caratteristiche spesso ricorrenti.

Dal noto Bes egizio al divino Tagete etrusco, troviamo un’ampia schiera di piccole creature adagiate tra le pieghe del mito, ma spesso circondate da un’aura che invoca un legame con la storia.

Ad esempio, nell’Europa dell’Est, troviamo i Barstucci, ometti nascosti sotto le piante di sambuco, i Kaukie, sempre affamati, i Colky, che come i Penati romani, se ne stavano celati negli angoli oscuri delle case.

I Korrigans bretoni si dimostravano particolarmente disponibili ad aiutare gli uomini mentre i Bansidhe irlandesi svolgevano un ruolo molto simile al Cupido classico.

Piu' noti i Coboldi gallesi e i Picchiettanti cornovagliesi, che con il loro aspetto costituiscono lo stereotipo più caratteristico del Piccolo Popolo.

Secondo la tradizione medievale, i discendenti degli scozzesi erano i Pechs (o Pehts), esseri fatati, non piu' alti di “3 o 4 piedi”, che per comportamento non sembrano presentare notevoli differenze dagli gnomi.

Nel Piccolo Popolo, vi sono due categorie principali di esponenti: quelli della luce e quelli delle tenebre.

I primi vivono sulla terra, i secondi sotto.

In genere, conoscono e parlano il linguaggio degli animali, tra i quali hanno fraterni amici e terribili nemici.

La conoscenza della lingua degli uccelli, rimanda alla tradizione esoterica, secondo la quale possedere il segreto di un linguaggio negato ai piu', è segno di un potere straordinario, a tratti divino.

Spesso, nelle fonti, si fa riferimento al Buon Popolo: termine usato come sinonimo di Piccolo Popolo.

Un’interessante indicazione in questo senso ci giunge dal trattato di Robert Kirk,
“The Secret Commonwealth”, pubblicato nel 1692.

Il testo descrive il regno segreto popolato da elfi, fate egnomi, soffermandosi sugli aspetti e sulle abitudini dei piccoli abitanti della natura.

Le conoscenze di Kirk avevano certamente origine nel patrimonio folkloristico nazionale, di cui l’autore era una appassionato studioso.

Un’emblematica indicazione sul modo in cui l’uomo ha spesso interpretato il carattere del Piccolo Popolo, la reperiamo in una raccolta di tradizioni (W. Veyer Lubke, “Romanisches etymologisches”, Herdelberg 1953) in cui lo gnomo Haroldson, di 379 anni, rivolgendosi al suo interlocutore umano, fornisce una precisa indicazione sulla propria specie:

«Noi siamo rimasti fedeli alla nostra origine mentre voi no.
Il nostro rapporto con la terra si basa sull’armonia, mentre il vostro si basa sull’abuso: abuso nelle questioni di vita e di morte».

Anche gli gnomi hanno qualcosa da insegnare.

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...